MEROVINGI

 

Il progetto Merovingi è nato a Parma il 21 Giugno del 2013 dall’incontro fra Francesco Pelosi (voce) e Enrico Fava (piano e tastiere). Ai due si sono subito aggiunti Gabriele Fava (sassofoni) e Salvatore Siracusa (chitarra elettrica), e quasi due anni dopo, Alessandro Aldrovandi (batteria) e Gianluca D’Alterio (basso elettrico), andando così a definire la line up del gruppo.
Nel settembre 2015 pubblicano il primo disco omonimo contenente 8 brani originali con il quale arrivano  tra i finalisti dell’edizione 2016 di Rock Targato Italia, vincendo il Premio Compilation con il brano Sutra.
Nel 2017 è prevista l’uscita di un Ep online con 3 brani inediti e la cover di Nomadi di Juri Camisasca.

Il nome richiama i Re Merovingi, uomini che senza muovere guerra ad altri regni e senza avere una corte stanziale, giravano in pace su carri trainati da buoi e vestiti prevalentemente di bianco. Si dice  fossero discendenti diretti di Maria Maddalena e che avessero il potere di curare con le mani, oltre ad avere la particolarità ereditaria di una “criniera” lungo la spina dorsale, segno distintivo del loro “diritto di nascita”. La filosofia intrinseca di queste esistenze e alcune coincidenze legate al loro incontro, hanno fortemente ispirato Francesco e Enrico, tanto da legare la loro musica al nome di quell’antico popolo.

Le canzoni dei Merovingi parlano di un’altra epoca rispetto alla nostra, o meglio, utilizzando parole, sensazioni, tematiche e testi dell’antichità, si rivolgono al mondo moderno attraverso un linguaggio che cerca di essere il più universale possibile, recuperando simboli, archetipi e sentimenti propri delle culture del passato ancora presenti in noi. La necessità di riproporre al giorno d’oggi queste antiche attitudini verso la vita deriva dalla ricerca di un modo di essere più vicino alla natura prima dell’uomo, quella che si ritrova negli antichi riti, nei canti e nelle enormi e misteriose costruzioni piramidali e monolitiche. Pur sotto forme differenti e strati di fumo, quella vita vive ancora.
La musica dei Merovingi vuole essere un sunto delle varie esperienze dei sei componenti: spunti e armonie di derivazione classica e jazz, tracce più o meno massicce di post-rock e prog e un cantato che prende le mosse dalla tradizione popolare e cantautorale per approdare ai mantra ipnotici di stampo animista e tribale. Una summa che il gruppo definisce Indie Rock Post-Antico.

SCOPRI DI PIU’: 
sito ufficiale
pagina Facebook

 

TORNA ALLA PAGINA ALTRI PROGETTI